RICERCAPRODOTTI

Qualità

Parlare di “qualità”, per chi opera in settori ad alta tecnologia e a vocazione internazionale, parrebbe quasi scontato, perché garantire certi standard dovrebbe essere semplicemente… normale.
E invece le cose non sempre stanno così ed è probabilmente opportuno fornire qualche informazione in più.

Per parlare della “qualità” CERMASI, quindi, potremmo iniziare un po’ come si fa sempre:

• dall’efficiente gestione delle disponibilità, del magazzino e della logistica

• dagli investimenti fatti per rendere rapida e puntuale la gestione di ordinativi e consegne

• dalle nostre procedure, ampiamente consolidate e rispettose degli standard più esigenti

• dalla nostra Certificazione DNV ISO 9001, conseguita già nel lontano 2001, quando erano ben poche le PMI che rispondevano a quei requisiti

Ma tutto questo, lo ripetiamo, lo consideriamo scontato.

Crediamo sia più interessante, invece, parlarvi dei nostri FORNITORI, dicendovi che:

• la maggior parte di essi (in particolare i grandi produttori nazionali ed internazionali) esigono elevati standard di qualità, serietà ed affidabilità per mantenere attivo un rapporto

• con molti abbiamo rapporti di collaborazione continuativa di lunga data e in qualche caso da oltre mezzo secolo (ad esempio con IRCE™, dal 1974 o con Brady™, dal 1952).

Ancora di più, pensiamo sia interessante parlarvi dei nostri CLIENTI, ricordando che:

• la maggior parte di essi fanno parte di comprensori produttivi universalmente riconosciuti come punti di riferimento dell’eccellenza mondiale;

• quasi tutti operano nell’ambito di filiere ad altissima tecnologia ed ampiamente orientate all’export (con quote di esportazione che arrivano a superare il 90%);

• in molti casi il nostro lavoro non si limita alla mera “fornitura”, ma si estende all’analisi dei bisogni tecnici ed alla consulenza di prodotto.

Ma in fondo, forse, per capire davvero cosa intendiamo in CERMASi per “qualità” quotidiana, basterebbe ricordare che facciamo tutto questo da oltre 70 anni in un territorio – l’Emilia-Romagna – in cui produrre eccellenza non è l’eccezione… è la norma.

Non a caso, all’indomani del terremoto del 2012, un grande giornalista così scriveva su “Il Resto del Carlino”:

“L’Emilia è quel pezzo di terra voluto da Dio per permettere agli uomini di costruire la Ferrari. Gli Emiliani sono così. Devono fare una macchina? Loro ti fanno una Ferrari, una Maserati e una Lamborghini. Devono fare una moto? Loro costruiscono una Ducati. Devono fare un formaggio? Loro si inventano il Parmigiano Reggiano. Devono fare due spaghetti? Loro mettono in piedi la Barilla. Devono farti un caffè? Loro ti fanno la Saeco. Devono trovare qualcuno che scriva e canti canzoni? Loro ti fanno nascere gente come Pavarotti, Dalla, Morandi, Vasco, Liga. Devono farti una siringa? Loro ti tirano su un’azienda biomedicale. Devono fare 4 piastrelle? Loro se ne escono con delle maioliche. Sono come i giapponesi, non si fermano, non si stancano, e se devono fare una cosa, a loro piace farla bene e bella, ed utile a tutti. Ci saranno pietre da raccogliere dopo un terremoto? Loro alla fine faranno cattedrali”

CABLAGGI

Come tutte le attività che coinvolgono la componentistica elettrica, anche il mondo dei cablaggi si è enormemente evoluto e specializzato nel corso degli ultimi trent’anni… e noi con esso.

AUTOMAZIONE

Tutti conoscono l’Emilia-Romagna per la sua “Motor Valley”, per i suoi motori e le sue straordinarie produzioni automobilistiche; pochi sanno, invece, che è anche la terra dell’automazione industriale.

AVVOLGIMENTI

Dal primo Dopoguerra e fino agli Anni Novanta in Emilia-Romagna esisteva una fiorente produzione di motori elettrici; e a quei tempi chi produceva motori elettrici faceva “tutto in casa”, dalla carcassa all’avvolgimento, al motoriduttore.

LIGHTING

Il settore dell’illuminazione rappresenta un ambito applicativo ben noto a chi, come noi si occupa da sempre di cavi, conduttori e componentistica elettrica.

Alcuni dei nostri partners